(recensione): David Bowie – Young Americans (Parlophone Records Ltd, 1975)

Anno di grazia 1975. David Bowie è reduce dal tour promozionale dell'album Diamond Dogs e ha preso la decisione di cambiare rotta. Se già in Diamond Dogs potevano ravvisarsi i primi cenni della transizione dal glam rock dell'era Ziggy Sturdust verso un sound più vicino all'universo a stelle e strisce, è solo con Young Americans … Leggi tutto (recensione): David Bowie – Young Americans (Parlophone Records Ltd, 1975)

(recensione): Field Music – Making a New World (Memphis Industries, 2020)

Band britannica nata dalla volontà dei fratelli Brewis, Peter e David, e che, solo per semplificare, potremmo ascrivere al settore progressive/art rock, i Field Music sono in un periodo di grande creatività artistica e ci hanno abituato alla pubblicazione di nuova musica ad intervalli piuttosto regolari, comunque mai superiori ai due anni. Cosi', se il … Leggi tutto (recensione): Field Music – Making a New World (Memphis Industries, 2020)

(recensione): Elbow – Giants of all sizes (Polydor, 2019)

Si apre sulle note cupe e inquietanti di Dexter & Sinister, Giants of all sizes, il nuovo, ottavo album dei britannici Elbow. Brano che puo' contare sulla collaborazione di Jesca Hoop che ha prestato la sua voce nei cori, Dexter & Sinister, termini rubati all'araldica (Dexter sta per onorata destra e Sinister ordinaria sinistra, nella … Leggi tutto (recensione): Elbow – Giants of all sizes (Polydor, 2019)

(recensione): Dionysus – Dead Can Dance (Pias, 2018)

Duo australiano composto da Lisa Gerrard e Brendan Perry, i Dead Can Dance si muovono da sempre in un universo sonoro suggestivo e inclassificabile. Musica dal sapore antico e ritmi contemporanei, nuances new wave, canti gaelici e venature folk si incrociano fino a tessere trame incantate, capaci di disegnare paesaggi al di fuori delle classiche … Leggi tutto (recensione): Dionysus – Dead Can Dance (Pias, 2018)